Amor Loci

amor-loci

Per ricominciare a scrivere sul blog vogliamo proporvi un libro molto interessante e affine al nostro pensiero, dal quale abbiamo tratto questo testo.

[…] Se viaggiamo per grandi città come per piccoli borghi, per coste come per montagne incontreremo facilmente cittadini consapevoli delle ricchezze del loro patrimonio artistico e ambientale.

[…] A questa consapevolezza non corrisponde però un’altrettanta spiccata cultura civile capace di esprimere con gesti concreti accudimento, presa in carico, difesa. Quella stessa misurata e misteriosa bellezza delle nostre città e dei nostri paesaggi, se coltivata come qualcosa di inanimato e di eternamente uguale a se stesso, come il corredo della nonna o l’argenteria di famiglia, può trasformarsi in una cornice priva di senso, che non è più in grado di suscitare appartenenza, di genere economie di lavoro. E anzi, si riduce a patrimonio inutile di cui disfarsi alla prima occasione.

[…] In tanti fanno la morale dimenticando per quanto tempo sono stati silenti e distratti su quanto stava accadendo al territorio, al paesaggio, alle istituzioni del nostro Paese. Un atteggiamento diffuso che deve indurci alla prudenza e a riflettere prima di tutto sulle nostre contraddizioni. Per non cadere nello stesso facile tranello, per evitare che il nostro pensiero venga accolto come l’ennesima proposta irrealizzabile in un Paese che (tanto) non vuole cambiare.

Dobbiamo ripartire da noi. Riflettere sulle inerzie culturali che impediscono di rigenerare i luoghi della formazione e dell’agire politico. Provare a immaginare azioni che inneschino mutamenti culturali. Siamo convinti che la rinascita di una cultura civile dovrà necessariamente partire da una nuova responsabilità per le comunità che li abitano. Un’attitudine del pensiero e insieme una qualità della prassi che abbiamo chiamato amor loci. Sentimento che è insieme di comprensione, di prossimità e di cura. Come ricordava Carlo Levi, “se gli occhi guardano con amore (se amore guarda), essi vedono. I nostri […] vi hanno visto, vi vedono, in questa piccola aiuola, e non soltanto perché questa è a nostra terra, la prima e più profonda delle apparenze, e la più complessa: vedono la madre”. Visione, comprensione dei codici e cura sono strettamente legate tra loro.

Oggi se vogliamo tornare ad abitare la nostra terra con più dignità dobbiamo coltivare l’amor loci, ovvero quell’attitudine alla cura per i nostri ambienti di vita, quella volontà di difesa e di tutela di quel codice spaziale e culturale che per secoli ha contraddistinto il paesaggio italiano, la più grande e sostenibile energia che abbiamo tra le mani. Non possiamo permetterci di smarrire quel genius loci, codice profondo e profondamente inscritto nelle nostre terre, che ci  è riconosciuto in tutto il mondo. Ma per fare questo, è necessario riattivare le forme molteplici del prendersi cura. Una postura morale e intellettuale che deve diventare guida per il governo del territorio, strumento per ridestare l’identità civile e l’orgoglio per il Bel Paese, codice di un progetto e di un’azione politica, attenta alla difesa della terra, del cibo e della natura, così come alle disuguaglianze e alle povertà.

Amor loci vuol essere un manifesto per cittadini e politici che si interrogano con serietà sul destino del nostro Paese. Per chi ha già traguardato buona parte della sua vita e si trova disilluso e amareggiato dalle sconfitte, dalle speranze tradite, dall’impegno che non ha ottenuto gli esisti sperati; per chi, troppo giovane, si trova sulle spalle un tempo di passioni tristi e di aspettative disilluse, ma ha diritto a sperare che un cambiamento anche nelle condizioni più avverse sia sempre possibile. Per tutti quelli che vogliono cambiare pagina.

 2012_ P.Pileri, E. Granata, Amor Loci.  Suolo, ambiente, cultura civile. Milano, Raffaella Cortina Editore, pp 10-13.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...